Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2011

Che idea

Dovrei segarti le gambe fin sopra il ginocchio,
Per abbassarti,
Per poterti mangiare comodamente sulla sommità del capoccione,
Appoggiando i gomiti sulle tue spalle mentre mastico, fino a conficcarceli dentro.
Dovrei farlo, per riequilibrare le cose,
Per metterti dove ti meriteresti.
Per mettermi dove io merito.
Dovrei farlo, ma soffriresti.
E io non posso proprio sopportare nemmeno l'idea.

Autoritratti

Di un Gattomi piacerebbe l'istinto indipendente, del Mare l'instancabile costanza. della Pioggia l'autunnale sussurro, della Luna l'algido distacco. di una Madre il perdono rassicurante, del Padre l'inflessibile durezza.
Con tratti decisi e toni acquerellati mi disegnerei.

Leggoescrivoscrivoeleggo

Leggo e scrivo, scrivo e leggo in questi giorni.
Accade sempre quando sensazioni ed emozioni sono fastidiosamente pungolate. Quando, insomma, ti buttano per terra e senti le gengive escoriate da pietre, e ingoi la polvere...quando per via del dolore ti rendi conto di essere viva.Lo so, è la solita banalità. L'hanno scritto tutti una volta almeno. Ma proprio per questo tutto sommato è la verità, quindi prendetelo così com'è. Quando sei felice è come se abitassi in un sogno perpetuo, e vaghi ovattato come se ti mancassero i riferimenti per dire "è vero". Quando stai male...beh, il dolore è reale e quindi sai di esistere in quel preciso istante.
Mentre scrivo in sottofondo rantola il condizionatore. Il fresco però non è piacevole, ho la nausea. Fuori è Settembre, ma lui non sa di esserlo: è caldo, una caldissima bottagna. Anch'essa, ovviamente, sgradevole. Ma penso che a giorni la rimpiangerò, e quindi mi lascio investire senza batter ciglio. Da più o meno una settimana…

Claustro-Libera-Mente

"Che cos'è la Libertà?" - Le chiese -"La Libertà è un trionfo di Autonomia" - Gli rispose. "Sì, ma cos'è, com'è fatta? Di che sa...?"
La Libertà... E' la vertigine che provi prima di un tuffo senza paracadute, è fatta di sguardi vorticosi, è il nodo che ti attanaglia lo stomaco quando sprofondi nell'infinito del mare, è la gola che si rifiuta di aprirsi all'ossigeno quando senti di temere...o temi di sentire, è il silenzio roboante che ti investe nella notte spaziale, è due occhi di cane trepidanti nell'incessante aspettare, è la danza sospesa, perpetua e immobile, di una foglia sul mare, un volo solitario, di cui non puoi condividere il sapore. è il peso plumbeo, che nessuno ti allevia, è un braccio mozzato, una lacrima mai asciugata, un Eco senza risposta. La Libertà è un dono prezioso, a cui non tutti sono votati. La Libertà è l'ombra di una catena rischiarata da una piccola lucciola, senza la quale essa sarebbe invisibile, e invivibile…