Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2011

Che idea

Dovrei segarti le gambe fin sopra il ginocchio,
Per abbassarti,
Per poterti mangiare comodamente sulla sommità del capoccione,
Appoggiando i gomiti sulle tue spalle mentre mastico, fino a conficcarceli dentro.
Dovrei farlo, per riequilibrare le cose,
Per metterti dove ti meriteresti.
Per mettermi dove io merito.
Dovrei farlo, ma soffriresti.
E io non posso proprio sopportare nemmeno l'idea.

"Correspondances"(secondo me)

Partono Canzoni che ti tengono incollata al sedile dell'auto che stai guidando; che ti incollano gli occhi alla strada che stai percorrendo come un automa; che ti incollano la lingua al palato come una foglia secca su umida terra; che ti tengono incollata alla vita solo perchè ti accorgi di respirare ancora.Arrivano Sogni che ti dormono accanto una notte, e ti si appiccicano addosso per il tempo che verrà. Sono come quegli odori persistenti che a volte tenti di schivare, ma che ad ogni angolo svoltato ti ritrovi a dover fronteggiare. Sussurrano Presentimenti nelle orecchie, sospirano così piano e piacevolmente come fossero sirene ammalianti, che quasi credi di non sentirli, sei sicuro di poterli ignorare; mentre Quelli ti lavorano ai fianchi e ti rodono il cervello che ormai è troppo tardi per salvarti, per salvarlo, per salvarVi.

Uccello migratore

Una gabbianella che vola da cale a lidi,non riposa,senza sosta va a cercare la spiaggia che completi il suo mare.
Ma non c'è mare che acquieta il suo anelito incessante, Non c'è spiaggia che può darle sollievo, perchè il mare mosso ancora se lo porta dentro.