Nuda e cruda

Immagine
Non dire degli uomini che essi non sono empatici con i desideri e le necessità femminili. Li ascoltano invece, e finiscono pure per assecondarli.
Il punto è che possono far finta che una donna non ne abbia qualora essa non li espliciti, per puro orgoglio, o per senso di libertà, di autonomia, o rispetto dell'intelligenza altrui. 
Ma... Ignorare solleva da ogni responsabilità, anche sentimentale. 
Quindi donna, ti conviene chiedere, essere pretenziosa sempre, come se da questo dipendesse tutta la tua esistenza.
Non importa ciò che dicono riguardo la pedanteria e l'indipendenza: una donna emotivamente dipendente nutre il loro infantile orgoglio, è qualcosa che finiranno per ricercare sempre, pur di sentirsi un po' più uomini.

Le proprietà del Dolore

Dire che il dolore acuisca una certa sensibilità è un'innegabile verità.
Un cuore che soffre è un cuore aperto al resto dell'umanità.
La mia sofferenza è frustrazione per un immutabile realtà, soffro perchè non sono un vero Eroe. L'Eroe uccide i draghi e salva le principesse da torri inviolabili, cambia una disperata realtà in un viale di petali di rosa.
Ho tentato, stretto i denti, preso schiaffi e inciampato nelle insidie della mia vita, ho versato lacrime per questo dolore... ma in fondo ho sempre intravisto una fioca luce nel torrione, che come un Faro mi guidava per il mare buio.
Avvicinandomi mano a mano però ho capito. Non era una luce quella, ma solo il riverbero della Luna tra gli alberi. Non era il mio Faro.
Ormai ero a riva, al sicuro, m l'anima mia era squarciata nel momento della Rivelazione. La luce che mi teneva viva...non era luce!
...Ma io è a quel pallore argenteo che avevo anelato! E' Quel cinereo luccichìo che sognavo nella notte!
Non sapendo che a quel riverbero lunare non ci si scalda come ad un fuoco.
Presso quella luce fioca, si finisce per morire di freddo.
Se fossi stato un Eroe, forse con qualche incantesimo quel pallido lumicino sarebbe divampato come fuoco inestinguibile,
Ma io non sono un Eroe.
O forse non è Questa la mia Battaglia.

Commenti

max ha detto…
Scrivi proprio bene! mi piace leggerti Sara!
Sarik ha detto…
grazie Max! :*
ogerius ha detto…
Rassegnamoci ad ammettere

che il dolore è la regola

e che l'unico modo di essere felici

è imparare a sopportarlo

e a fare come se non ci fosse.

Il resto verrà da sé,

a suo tempo.

E un giorno ci rallegreremo

di aver sofferto tanto.
cry ha detto…
Fantastica...non dico altro...
Anonimo ha detto…
Senza parole...mi ci rispecchio molto...chissà perché!! Bravissima amiga...leggerti è sempre un'emozione!
Ange
ogerius ha detto…
... ma poi chi te l'ha detto che tu non sei un eroe e che questa non è la tua battaglia?
Sarik ha detto…
infatti ho detto forse!!!
il dubbio è sempre lecito!

Post popolari in questo blog

Cuore-Mente

Epifania

Presbiopia